ANF e computabilità del premio nascita e dell’assegno di natalità


Si forniscono precisazioni sulla corretta indicazione dei redditi percepiti dal nucleo familiare all’atto della domanda di Assegno per il Nucleo Familiare.


Nello specifico, l’Inps ha precisato che sia il Premio alla nascita, che assegna 800 euro per la nascita o adozione a partire dal 1° gennaio 2017, sia l’Assegno di natalità (c.d. bonus bebè) previsto per i figli nati negli anni dal 2015 al 2017 e confermato, per i nati nel 2018 e nel 2019 – consistente in un assegno, correlato all’ISEE, corrisposto mensilmente – pur non potendosi qualificare come trattamenti di famiglia, sono comunque esclusi dalla formazione del reddito complessivo e, pertanto, non sono da considerare ai fini della verifica del requisito reddituale valido per il diritto e la misura dell’ANF.


Quanto agli specifici contributi economici attribuiti dalla Provincia autonoma di Trento e dalla Regione autonoma Trentino Alto Adige, a titolo di “Reddito di garanzia” e “Contributo famiglie numerose” è ravvisabile la loro natura assistenziale e, conseguentemente, possono essere catalogati tra i cosiddetti redditi esenti.